5 Responses

  1. Apollonio
    at |

    In effetti la nascita di Krishna assomiglia di più al mito di Cronos che divora i suoi figli appena nati, l’ultimo figlio di Cronos cioè Zeus, viene nascosto al padre ed è proprio Zeus l’ultimo nato a detronizzare il padre e diventare re degli dei. Ma il figlio che spodesta il padre è direi un archetipo.

  2. Zenofila
    at |

    Infatti, Apollonio, si vede che Giona non ha letto i Veda. La storia che racconta è quella di Chronos. In realtà nei nei Veda il concepimento di Devaki ha avuto luogo così: “….Mahadeva, il Sole dei Soli, le apparve nel lampo di un folgorante raggio sotto forma umana. Allora concepì il figlio divino….”
    Inoltre, la lettura dei vangeli e la tradizione popolare sono due cose molto diverse: in nessun vangelo è scritto che Gesù fosse povero, né che la sua fosse una famiglia umile, discendendo, al contrario, Giuseppe, dalla stirpe di Davide re.
    La povertà di Cristo non fa parte della teologia cristiana, ma della tradizione popolare.

  3. Giona
    at |

    a questi due beoti disinformatori qua sopra a cui brucia fortemente il didietro e questo li spingeandando ad andare a mettere commenti in giro per il web sotto ad articoli di Giona, MA NON SE LA SENTONO DI AFFRONTARE DIRETTAMENTE GIONA ( sto parlando a ”apollonio e zenofilia” ..quando si dice nomen omen..) che si illudono di sapere qualcosa che Giona non sa e quindi essere più intelligenti voglio dire che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. studiatevi i Vangeli o idioti e vedrete che le vostre analogie con cronos (che divora i suoi figli.. A QUESTO ASSOMIGLIEREBBE Gesù??? 😀 ..!!!) sono solo nella vostra mente deviata. Dio vi aiuti, siete persi.

  4. Giona
    at |

    DIMENTICAVO di dire che inoltre la storia di chronos è POST cristiana e risale ad almeno CENTO O TRECENTO ANNI DOPO CRISTO! (questo dimostra ulteriormente la bassezza culturale e la disonestà intellettuale dei commentatori che si danno inoltre nomi apolonnici e zenofiliaci per apparire più ”eruditi”..forse :D). INOLTRE NON CONOSCONO NEPPURE I VEDA E FANNO QUINDI DELLA DISINFORMAZIONE. per chi vuole documentarsi può andare sul blog ULTIMA EPIOCA e scorrere i link sulla sinistra in italiano e inglese (zeitgeist confutazione) che confutano ampiamente tutte queste idiozie.

    « Tale teogonia […] è di cronologia assai incerta: contro l’opinione precedente (cf. per es. Zeller I I, 128-129) che la riteneva più tarda della teogonia rapsodica, si è poi affermata la tesi che vada datata tra la teogonia secondo Eudemo (Kern, Ziegler). E se realmente anche questo frammento si può accettare come sua testimonianza, si potrebbe collocarne la data fra il terzo secolo a.C. e il primo secolo d.C. »
    (Giorgio Colli. La sapienza greca, vol.1, p. 413)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Chronos_%28Orfismo%29#cite_note-2

  5. Ravecca Massimo
    at |

    Una ulteriore “prova” della storicità di Gesù di Nazaret è il suo genio come è narrato dai Vangeli. Perché aveva un’intelligenza simile nel metodo a quella di Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti. Come dimostro nel mio ebook: Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Un intelligenza che si esplicava in processi ricorsivi, giochi di specchi. Ad esempio nella parabola di Lazzaro e il ricco epulone, Abramo afferma che se anche uno risuscitasse dai morti, non servirebbe a niente se non credono ai profeti. Poi resuscita l’amico Lazzaro, e come profetizzato nella parabola, Gesù non viene creduto, ma anzi condannato a morte. Dopodiché resuscita Lui, è attualmente non molti gli credono… Un intelligenza nel metodo comune a tutti i principali geni della storia che non poteva essere invenzione di qualche evangelista. Questa è una prova indiretta dalla storicità di Gesù di Nazaret, perché l’aspetto ricorsivo dei Vangeli, di Gesù, e in certo senso di tutta la teologia cattolica non poteva essere invenzione degli Apostoli, che della ricorsività ignoravano tutto. Saluti

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.